mercoledì 5 febbraio 2014

TRUCCHI PER CONVIVERE CON UN ASSISTENTE DI VOLO



La coppia. Quante cose sono state dette, quante sono state scritte. Ma solo chi è' stato vicino ad un'assistente di volo può capire quanto sia diverso, quanto sia faticoso e quanto nessun manuale abbia mai previsto una situazione simile.
Anche se ovviamente ognuno di noi è diverso, credo che alcune caratteristiche siano comuni e proprio su questa base comune mi sono venuti in mente un po' di consigli da dare a chi ha deciso di intraprendere questa strada tortuosa. Magari col tempo me ne verranno in mente altri, e li aggiungerò. Oppure verranno in mente a voi. Lasciatemi i vostri consigli nei commenti, così cerchiamo di far funzionare qualche coppia in più ... :-)

Si è' vero, e' un po' strana, fa una vita strana e a volte si comporta in modo che non capisci, ma:

- quando deve partire non fargli il terzo grado su dove va, quante tratte fa, a che ora arriva, quante ore di fuso ci sono, stai tranquillo/a quando arriva si fa sentire lei/lui, ne ha più bisogno di te, fidati.

- quando è in turno, i giorni che è fuori casa, evita di innescare qualsiasi litigata, qualunque sia il motivo, non assecondare il tuo bisogno di sfogo, gli distruggi le giornate, stare lontano da casa e avere delle questioni irrisolte e' devastante.

- non telefonare in orari che sai non può parlare, tipo, imbarco passeggeri, sbarco passeggeri, briefing, se poi non può rispondere ti stai già facendo una decina di film.

- sappi che tra l'ora di atterraggio e l'arrivo a casa passerà' almeno un'ora e mezza.

- impara a leggere il suo foglio turni, così saprai dove è a qualsiasi ora e non avrai bisogno di fare decine di telefonate o decine di domande. La maggior parte delle volte ne troverai una copia attaccata al frigo con una bella calamita.

- gli assistenti di volo vanno a pranzo e a cena con l'equipaggio, escono insieme, passano molto tempo insieme, ma stai tranquillo non è per rimorchiare. In quei giorni ognuno di loro ha bisogno di una spalla per non stare troppo solo.

- non essere geloso.

- e' inutile che gli spii il telefono, troverai centinaia di numeri di telefono, memorizzati con nomi strani solo perché non si ricorderà mai, dove, come e perché ha conosciuto quella persona. Molto probabilmente il 90% di quei numeri non li userà mai.

- il ritorno a casa e' delicatissimo, credimi.

- ha bisogno di almeno un'ora per fare "decompressione" (un termine che usiamo per definire quel lasso di tempo che ti permette di a allontanarti mentalmente da quanto ha vissuto i giorni precedenti!
Non fare domande in quell'ora. Inizierà lei a parlare.

- se torna da un volo di lungo raggio (un intercontinentale), andrà a dormire. Non esistono, pranzi dai genitori, appuntamenti irrevocabili, Natale, Pasqua, o eventi importanti. Dormirà. Tornerà sulla terra dopo qualche ora e sarà tutta tua.

- se hai deciso per una convivenza, non organizzare party, o cene quando non c'è senza far sparire completamente ogni traccia di disordine per quando rientra. Si avvelena sicuramente.

- ascoltala, ti racconterà aneddoti che ti sembreranno stranissimi e a volte anche stupidi, cose l'hanno fatta arrabbiare, cose che l'hanno colpita. Userà termini che forse a volte non capisci, ma ascoltala, non stare a criticare o a dare giudizi. E' solo uno sfogo.

- cerca di avere pazienza, ma tanta. Non si ricorderà sempre tutto, le sfuggiranno scadenze, ricorrenze, appuntamenti. Ma spesso si sveglia al mattino e non sa ne' dove si trova, ne che giorno della settimana sia. Ti giuro che non lo fa apposta.

- stalle vicino, ha bisogno di trovarti sempre. Se ha scelto te, sei il suo punto fermo. Il suo "porto" di arrivo e di partenza.

- e soprattutto ricordati.... va a lavorare, non va in vacanza. Anche a lei dispiace dover andare....



Lo so, lo so stare con un assistente di volo non è' facile.
L'assistente di volo e' vero conosce tanta gente nella sua vita, ma poche sono quelle che considera veramente importanti e di quelle ne ha bisogno.
Sicuramente non è sempre piacevole essere dei punti fermi per qualcuno che a volte c'è e a volte non c'è, che dorme in orari non convenzionali, che può capitare non sia presente ad una ricorrenza importante, che non è raggiungibile telefonicamente 24h su 24, qualcuno che nel corso degli anni ha sviluppato una visione del mondo tutta sua e ci si rapporta a modo suo. Qualcuno che poi in fondo e' socievole, disponibile, aperto, ma poi nella sua vita privata preferisce la tranquillità e a volte,anche l'isolamento. 

Ma credimi..... ne vale la pena... :-)








-




















-

11 commenti:

  1. Niente di più esatto.
    Potrebbe essere un decalogo da aggiungere al contratto di matrimonio...

    RispondiElimina
  2. :-) eh nn sarebbe una cattiva idea...

    RispondiElimina
  3. Si capisce che questa serie di regole sono state scritte come sfogo da un assistente di volo. Evidentemente ci sono problemi di coppia e non proprio superficiali. Parlane con il tuo partner! Non scriverlo qui! Queste sono "regole" normali di qualsiasi persona che lavora. Chi ti ama e ti conosce, ti comprende! Ma se ci sono queste 15 problematiche evidentemente qualcosa non funziona. Parlane con il tuo partner, perchè cosi stai dichiarando di avere una relazione con gravi problematiche. Ogni persona che torna a casa da un lavoro duro è stanca (camionisti,rappresentanti,operai,ecc..) magari che deve fare straordinari e in quei momenti è irragiungibile o non ha la possibilità di avvisare che è via. Personalmente devo allontanarmi da casa per periodi di 4 o 5 giorni in media. Ho anche io quei 15 bisogni ma mia moglie li comprende senza doverli mettere per esplicito.

    RispondiElimina
  4. Sei disarmante e'verissimo:devo dire che leggere il tuo blog aiuta ti ricorda quello che non devi mai dimenticare.
    Assistente diavolo nome'un lavoro di più'e'uno stile di vita.
    Sono innamorato di una bestiolina volante piccina piccina....
    e'vero e'complicato ma lei ne vale la pena....

    RispondiElimina
  5. No nn è' assolutamente uno sfogo. Mi dispiace che tu lo abbia interpretato così. Io scrivo per sorridere e per far sorridere. Racconto un mondo che conosco. E' vero sono molte le realtà simili, ma questa e' la mia e cerco di raccontarla dato che la conosco molto bene, prendondoci un po' in giro. E sai com'è, a volte scherzando qualche verità salta fuori.
    Spero che tu almeno un piccolo sorriso lo abbia fatto.. Grazie di avermi letto

    RispondiElimina
  6. Scimpa, questo e' per te....
    Ne vale la pena!!!! In bocca al lupo....
    Presto ci sarà un articolo anche per te... :-)

    RispondiElimina
  7. Ad ogni professione i suoi problemi relazionali. Questo è un pezzo divertente e rilassante. Conosco molte assistenti e qualche pilota. Vita difficile, anche se apparentemente fantastica e per certi versi lo è anche. Ho la mia migliore amica che è assistente di volo e raccolgo sempre le sue confidenze, come lei le mie. Questo "decalogo" gli assomiglia molto ;)

    RispondiElimina
  8. Eh si........ma manca ancora una considerazione che è : " Sappi che anche se accetti tutto questo ................non basterà!" Ecco ora il decalogo è completo. Auguri a chi ci prova

    RispondiElimina
  9. Purtroppo a volte anche questa e' una verità..
    Grazie :-)

    RispondiElimina
  10. Vorrei capire meglio le ultime quattro parole "ne vale la pena". Cioè, detti tutti questi difetti e problemi, sotto quale punto di vista avere un partner assistente di volo è meglio che un partner con un lavoro diverso?

    RispondiElimina
  11. Essendo una donna ti posso dire... Quando ti innamori, ne vale sempre la pena...
    .... E poi siamo simpatiche!!!!!.....
    :-)

    RispondiElimina

lasciami una traccia del tuo passaggio